5 PER MILLE

Nel 2023 si è registrato un aumento di sensibilizzazione da parte dei contribuenti italiani per le associazioni e/o enti del terzo settore, attraverso il 5 per mille.

Il 5 per mille, ossia la quota di imposta sui redditi delle persone fisiche che il contribuente, secondo principi di sussidiarietà fiscale, può destinare agli enti non profit iscritti presso l’elenco dei beneficiari tenuto dall’Agenzia delle Entrate e alle iniziative sociali dei comuni.

Difatti, secondo il Corriere della Sera, dagli oltre 17 milioni e 700mila che avevano fatto questa scelta nel 2020 si era scesi sotto la soglia dei 17 milioni tanto nel 2021 quanto nel 2022, con le dichiarazioni del 2023 siamo ritornati per la precisione a quota 17.335.268 contribuenti. Il che corrisponde, tradotto in denaro, a donazioni per 525 milioni di euro: il massimo consentito dal tetto che il Ministero ha fissato per questa misura. Il conteggio è frutto di una elaborazione dati realizzata dal Forum terzo settore, in attesa che i dati per ora disaggregati dell’Agenzia delle entrate vengano integrati con il dato totale delle devoluzioni Irpef. Ma la tendenza è estremamente chiara.

Sul piano nazionale, le scelte virano soprattutto verso le fondazioni che si occupano di ricerca scientifico-medica e stati di salute, ma cifre importanti vengono raggiunte anche da enti del Terzo Settore e Onlus, enti per la tutela dei beni culturali e paesaggistici, enti gestori delle aree protette e Comuni. 

Nell’ultimo anno, si è inserita invece una predilezione innovativa e altamente interessante, ovvero la scelta ampiamente sostenuta di devolverealle associazioni sportive dilettantistiche: una svolta progressista e soddisfacente per chi ha consapevolezza che lo sport aiuti nelle autonomie, nella condivisione delle regole, nell’educazione alla socialità, nella crescita personale dell’individuo e nel suo inserimento in una collettività.

In questo splendente panorama, il Centro Nazionale Sportivo Fiamma – Comitato Regionale Campania, per il terzo anno consecutivo registra un aumento riguardo il numero delle scelte espresse e degli importi devoluti, con oltre €16.000 per il 2023, si è classificata tra i primi 50 enti in Campania, mentre si trova sul gradino più alto del podio con il maggior numero di scelte, ben 867, per sceltetra quelli con sede nel Comune di Giugliano in Campania.

Questa riscontro significa che le iniziative di promozione della legalità portate avanti dal nostro centro sono viste e individuate come dimostrazione di atti positivi.

La strada da percorrere è ancora lunga ma questo nuovo vento di cognizione e concretezza, fa ben sperare che stia maturando una nuova coscienza di massa, che crede nella capacità di chi si dedica alle fragilità dei soggetti meno visibili ma in qualunque modo non meno importanti, oltre a sostenere le iniziative di contrasto alla criminalità e per la riqualificazione dei beni confiscati.